Trasformare le biomasse in materiale combustibile per il recupero energetico

Tra i vari utilizzi della biomassa vi è quello della produzione di energia elettrica mediante l’impiego di cogeneratori termici, ossia caldaie che sfruttano il prodotto biomassa per scaldare dell’acqua. Tale riscaldamento genera del vapore capace di attivare delle turbine, le quali consentono di produrre energia elettrica. Requisito essenziale affinché ciò avvenga è che la biomassa sia opportunamente trattata e vagliata.
Mion Ventoltermica, al fine di soddisfare tale esigenza, progetta, costruisce e realizza impianti dedicati al trattamento, alla lavorazione (essicazione, triturazione e sminuzzatura, trasporto prodotto raffinato, aspirazione sfridi lavorazione, filtrazione dell’aria di processo) e al recupero energetico (trattamento dei fumi di combustione anche con recupero di calore) della biomassa in tutte le sue forme.
Le macchine vengono eseguite sulla base delle specifiche necessità del cliente, in relazione al tipo e alla quantità di materiale da trattare e al contesto di applicazione.
In presenza di polveri potenzialmente esplosive, i macchinari vengono sviluppati e prodotti da Mion Ventoltermica in conformità alla direttiva comunitaria 2014/34/UE (Direttiva ATEX).

Raffinatore a coltelli oscillanti

Maggiori dettagli sulla soluzione

La biomassa, per essere trasformata in materiale combustibile per il recupero energetico, deve essere essiccata e poi adeguatamente trattata mediante i seguenti processi:

  • Triturazione e sminuzzamento (raffinazione)
    Per triturare gli scarti legnosi viene solitamente impiegato un trituratore, a cui segue un mulino a coltelli oppure un mulino a martelli per lo sminuzzamento.
  • Rimozione delle sostanze non legnose (selezione)
    Una volta triturato e sminuzzato, il residuo legnoso viene depurato dalle eventuali sostanze estranee presenti. La rimozione dei materiali metallici viene effettuata per separazione magnetica mentre gli inerti vengono separati attraverso separatori a vento che lavorano con flussi d’aria.
  • Omogeneizzazione e classificazione granulometrica (vagliatura)
    Tutto il materiale legnoso rimanente viene separato in funzione alla granulometria mediante separatori e/o vagli. La frazione di materiale che rispetta la granulometria per il ciclo di lavorazione successivo segue il suo corso, mentre la parte più grossolana subisce una seconda fase di omogeneizzazione della granulometria attraverso macchine per la raffinazione.

Mion Ventoltermica, grazie alla sua elevata esperienza nel campo, studia insieme al cliente la soluzione migliore e lo accompagna in tutte le fasi decisionali, dal dimensionamento delle macchine, alla definizione dei sistemi di aspirazione e filtrazione, al trasporto, stoccaggio e trattamento della biomassa, fino al relativo recupero energetico.
In presenza di polveri potenzialmente esplosive, i macchinari vengono sviluppati e prodotti da Mion Ventoltermica in conformità alla direttiva comunitaria 2014/34/UE (Direttiva ATEX).

Condividi su