Separatore a flusso inverso

Il separatore a flusso inverso Mion Ventoltermica consente di separare da un flusso d’aria materiali di diversa densità e di pezzatura variabile.

Tale macchinario viene posizionato al centro di un nastro trasportatore e funziona mediante un flusso d’aria controllato generato da due aspiratori.

Il flusso d’aria viene regolato e concentrato nel punto di arrivo del materiale indifferenziato e fa sì che le parti leggere (film di plastica, schiuma, gomma, piccole parti di carta o di plastica leggera, ecc.) vengano aspirate verso l’alto per poi proseguire nelle tubazioni, mentre le parti pesanti (bottiglie di plastica, contenitori di plastica di vario tipo, ecc.) cadano per gravità sul nastro trasportatore per poi essere raccolte/ smaltite/ recuperate/ valorizzate.

Le parti leggere verranno poi convogliate all’interno di un separatore rotativo o di un ciclone, a seconda della portata di riferimento.

Il separatore a flusso inverso Mion Ventoltermica è disponibile in diverse taglie, in relazione ai volumi d’aria trattati e ai contesti di applicazione.

Dettagli separatore a flusso inverso

Il separatore a flusso inverso Mion Ventoltermica è utilizzato per separare da un flusso d’aria materiali di diversa densità (leggeri e pesanti) e pezzatura variabile, come ad esempio film di plastica, imballaggi, gomma, schiuma, sacchetti di plastica, ecc. da contenitori e bottiglie in vetro, plastica, lattine, ecc..
Il materiale separato mediante questo processo può essere recuperato e reimpiegato in ulteriori fasi produttive oppure adeguatamente smaltito e/o valorizzato.
Il separatore a flusso inverso Mion Ventoltermica è dotato di una adeguata cappa aspirante e di due paretine movimentate mediante catene o paranchino che permettono di regolare il flusso di aspirazione.
Il separatore è inoltre provvisto su tre lati di pareti in plexiglass, così da poterlo visionare dall’esterno, e di una porta di ispezione laterale.

VANTAGGI:

  • alta efficienza nella separazione dei materiali con diversa densità e pezzatura variabile;
  • possibilità di regolare il flusso di aspirazione in maniera ottimale;
  • basse perdite di carico;
  • basso consumo di energia elettrica;
  • manutenzioni ed ispezioni facili e veloci;
  • flessibilità d’installazione, anche nel caso di linee produttive già esistenti.
Condividi su